Per Contatti

lafedecattolica@libero.it

COME LIBERARSI DA UNA FATTURA? - Padre Gabriele Amorth ci dice...










CRONISTA: In relazione a come togliere una fattura, lei dice che in molti casi bruciare una fattura interrompe il maleficio. Quindi è importante che si brucino gli oggetti malefici.

PADRE AMORTH: Sì, e sempre pregando.

CRONISTA : Infatti in “Un esorcista racconta” lei sostiene che bruciare un oggetto non è sufficiente: “Se non si provvede alla benedizione prima di bruciare gli oggetti e non si prega interrottamente durante le bruciature, non se ne trae vantaggio”.
E tra i tanti casi e episodi che le hanno dato conferma di ciò, fa l’esempio di quando Padre Candido e un altro sacerdote non riuscirono a togliere una fattura solamente bruciando un oggetto maleficato.
E’ molto importante la distruzione con il fuoco degli oggetti, benedirli prima di bruciarli e che si preghi mentre vengono bruciati. Giusto?


PADRE AMORTH: Sì.

CRONISTA: Nello stesso libro lei scrive che gli oggetti maleficati vanno aspersi con acqua benedetta, vanno bruciati all’aperto e le ceneri, come pure gli oggetti di ferro o comunque non bruciabili, vanno buttati ove scorra l’acqua (fiume, fognatura). “Non nel gabinetto della propria abitazione, quando lo si è fatto sono spesso accaduti degli inconvenienti”. Ho pensato leggendola che pochissimi sanno queste cose.

PADRE AMORTH: Il Signore poi è misericordioso, alle volte se ne trae vantaggio lo stesso.

CRONISTA: Lei ha scritto (Un esorcista racconta) che per esorcizzare acqua, olio, sale, non occorre un esorcista, basta un qualunque sacerdote. Bisogna però trovare uno che ci creda e non è facile. (Aggiungo :Più il sacerdote è spirituale, di preghiera, santo, è più efficacia ha la preghiera esorcistica su acqua, sale e olio).

PADRE AMORTH: Non è facile.

CRONISTA: Credo che ciò che racconta nel suo secondo libro (pag. 133 di “Nuovi racconti di un esorcista”, Ed Dehoniane di roma, 4 ed. ) vada tenuto presente sempre. Credo cioè che sia molto importante quando lei dice in relazione a quello che hafatto per esorcizzare “Nadia”: ha spezzato prima i legami tra “Nadia” e le persone che le erano nocive. Poi ha usato sempre più le preghiere di intercessione: salmi, litanie, rosario, preghiere di lode. Dopo aver pregato lo Spirito Santo, lei ha pregato per spezzare ogni legame di magia nera, di maleficio, di stregoneria, con ognuna delle sei persone (invidiose di “Nadia”) che il maligno voleva tenersi per sé, ed ha consacrato ognuna di quelle sei persone al Cuore Immacolato di Maria (cosa che ha fatto urlare al demonio : “Se me le prendi, cosa mi rimane?”). Lei asserisce anche che “Nadia” fa molto uso di acqua benedetta ed è molto sensibile all’unzione con l’olio, quella che lei usa sui 5 sensi.
Sono convinta che questo modo di procedere a un esorcismo sia molto efficace.
Ora le chiedo: con che preghiera ha consacrato ognuna di quelle sei persone al Cuore di Maria Vergine? Io conosco solamente la preghiera di consacrazione collettiva o quella che ognuno può fare per sé a Maria, non ne conosco altre.












PADRE AMORTH: Beh, anche un altro può consacrare. Uno adatta una delle tante preghiere di consacrazione. Ma può anche improvvisare e pregare con parole proprie.

CRONISTA: Quali fattori incidono per la liberazione di una persona dal demonio, a parte la volontà del singolo di essere liberato?

PADRE AMORTH: Fede, Preghiera, digiuno … ogni forma di sacrificio. Poi anche le preghiere dei familiari, degli amici.
Tutto influisce.

CRONISTA: E’ vero che più è radicato, cioè è lungo il lasso di tempo dacché il demonio ha preso possesso di una persona, più è difficile estirparlo?

PADRE AMORTH: Sì, è vero

CRONISTA: Mi racconta un episodio che conferma questo principio?
Vale anche per togliere le fatture?


PADRE AMORTH: Si, vale anche per togliere le fatture. Mi è difficile farle un esempio in particolare. Ce ne sono tanti. Per esempio, c’è il caso di quella signora, chiamandola Gaetana, che da ragazzina stava in Africa con suo padre e lì ricevette un maleficio, con un rito, da parte degli stregoni africani locali. Glielo fecero quindi quando lei era bambina. Ci sono voluti vari anni di esorcismi, prima che potesse liberarsene.

CRONISTA: anche nel caso di fatture …

PADRE AMORTH: s’, proprio il primo esorcismo intima al demonio di sradicarsi e di fuggire dalla creatura di Dio. Di sradicarsi. L’impressione è che più è da tempo che c’è la presenza del demonio e di un male malefico, più questo mette radici. Mentre invece, racconto nel mio libro “Un esorcista racconta”, si è verificato l’episodio di quella ragazzina che era andata a un rito satanico per curiosità, con una sua amichetta. L’hanno immediatamente portata a Roma da Padre Candido. Gli han detto: “Padre Candido non lavora più, andate da Don Amorth”. E’ venuta qui. Era roba di un giorno, due giorni prima. E’ bastato un solo esorcismo di un quarto d’ora e si è liberata. Non aveva messo radici.

Fonte:
lucedelmondo.forumfree.it


Come liberarsi dalle presenze malefiche (10 consigli di don Amorth in proposito).

1. Già si è visto che anche col telefono è possibile scaricare sulla vittima disegnata delle ondate malefiche. Ci si difende benissimo da questa trappola (dato che non si sa chi ci chiama) recitando la preghiera a San Michele Arcangelo quando squilla il telefono (e prima di dire nella cornetta: “pronto ) e chiudendo subito se nessuno risponde o se si sentono sospiri, risate strane e sguaiate o cose simili.

2. In casi particolarmente gravi può capitare che il Demonio blocchi la bocca di una persona per impedire di ricevere la Santa Comunione. In tal caso, prima di ricevere la SS. Eucarestia si beva qualche sorso di acqua santa (da tenere in una boccetta a portata di mano o nella borsetta) recitando qualche preghiera e tutto si sistema.

3. Partecipate con fervore alla S. Messa! Molti stanno in chiesa solo a…scaldare il banco! Inoltre preparatevi con apposite preghiere a ricevere Gesù nell’ostia Santa. Poi, dopo il dovuto ringraziamento in ginocchio al figlio di Dio che è venuto in voi. Quello è il momento più adatto per pregarlo intensamente e chiedergli di liberarvi dalle presenze demoniache, poiché avete il Signore cuore a cuore in voi. Quanta freddezza mostrano tante persone che, dopo aver fatto la S. Comunione, vanno a posto e stanno seduti senza adorare e ringraziare COLUI che l’universo non può contenere e che allora è presente vivo e vero in loro! Nessuna meraviglia perciò se non ottengono la liberazione.

4. Pregate sempre in ginocchio! Lo stare in piedi ( specie in chiesa davanti a Gesù Sacramentato o durante la recita del santo rosario) è una grave mancanza di rispetto verso il Signore! Inoltre pregate soprattutto col il cuore! Quante persone non ottengono la liberazione da disturbi diabolici perché pregano solo con le labbra, ma hanno il cuore lontano da Dio e dalla sua santa Madre!

5. Molte persone, specie nei piccoli paesi di campagna, dicono di togliere il malocchio ed usano mettere in un piatto d’acqua gocce di olio o chicchi di grano (o cose simili). Anche se sono di buona fede o brave persone, smettano immediatamente di fare cose simili perché questo è un rito magico. Ed i riti magici portano poi nelle mani del Demonio. Anche se queste persone dicono preghiere o fanno segni di croce, non sanno quello che fanno. La Bibbia è chiara: “popolo mio, non si trovi in mezzo a te chi esercita la divinazione, il sortilegio o la magia; né chi consulti gli spiriti o gli indovini, né chi interroghi i morti, perchè chiunque fa queste cose suscita la collera del Signore”Deuteronomio 18, 10-14.

6. Soprattutto le donne siano sempre decenti nel vestire. Quante sono ricadute nella possessione diabolica (o non riescano ad ottenere la liberazione) dato che continuano a dare scandalo! Leggi in proposito il vangelo di Matteo 18,6-9).

7. Chi ha fatto sedute spiritiche o altre gravi pratiche di magia nera chieda sempre, nella preghiera, continuamente perdono a Dio! Quante persone non ottengono la liberazione, anche con continui esorcismi, perché si sono confessati di queste cose con molta leggerezza ( e forse senza un vero e sentito pentimento). Non lamentiamoci perciò se la liberazione non arriva!

8. Confessatevi spesso, soprattutto confessatevi bene! Il Maligno ha terrore della confessione perché se è ben fatta gli strappa dalle mani le anime e le rimette in quelle di Dio! Perciò non esiste nessun esorcismo più potente della confessione ben fatta. Infatti quando al maligno è stato imposto di dire cos’è la confessione, ha dato una risposta sbalorditiva: E’ il sangue di cristo che lava le anime! Ma che uso fanno i cristiani di questo straordinario sacramento?…

9. E’ necessario pregare molto, pregare bene, pregare sempre ( Luca 21,36. Quanti ci dicono: Ho tanto lavoro, non ho tempo di fare tutte queste preghiere e di andare ogni giorno a messa”…La Madonna stessa risponde a queste persone: “Cari figli, non si vive solo di lavoro; si vive anche e soprattutto di preghiera!”. E un’altra volta ha aggiunto: “Figlio mio, quando tu dici: Vado a messa quando ho tempo…prego quando ho tempo, è come se tu dicessi a Dio: Signore, tu Per me non sei niente!”…Dopo tali parole come si fa a meravigliarsi se la liberazione tanto chiesta non arriva?

10. Partecipate sempre alle ore di adorazione eucaristica! Anche in chiesa adorate Gesù vivo e vero nell’Ostia Santa soprattutto quando è solo, E’ lui il vostro liberatore, non l’esorcista. Il Maligno non può niente contro le anime eucaristiche e devote di Maria, la sua grande ed eterna NEMICA.

Fonte:
www.verginedegliultimitempi.com/maledizione.htm













PREGHIERE UTILI DA RECITARSI

Preghiera contro il maleficio (Rituale Greco)


Kyrie eleison. Signore Dio nostro, o Sovrano dei secoli, onnipotente e onnipossente, Tu che hai fatto tutto e che tutto trasformi con la tua volontà; Tu che a Babilonia hai trasformato in rugiada la fiamma della fornace sette volte più ardente e che hai protetto e salvato i tuoi santi tre fanciulli; Tu che sei dottore e medico delle nostre anime; Tu che sei la salvezza di coloro che a Te si rivolgono, Ti chiediamo e Ti invochiamo, vanifica, scaccia e metti in fuga ogni potenza diabolica, ogni presenza e macchinazione satanica, e ogni influenza maligna e ogni maleficio o malocchio di persone malefiche e malvagie operanti sul tuo servo (…).

Fa’ che in cambio dell’invidia e del maleficio ne consegua abbondanza di beni, forza, successo e carità; Tu, Signore, che ami gli uomini, stendi le tue mani possenti e le tue braccia altissime e potenti, e vieni a soccorrere e visita questa immagine tua, mandando su di essa l’Angelo della pace, forte e protettore dell’anima e del corpo, che terrà lontano e scaccerà qualunque forza malvagia, ogni veneficio e malia di persone corruttrici e invidiose; così che sotto di Te il tuo supplice protetto con gratitudine Ti canti: “Il Signore è il mio soccorritore e non avrò timore di ciò che potrà farmi l’uomo”; e ancora: “Non avrò timore del male perché Tu sei con me, Tu sei il mio Dio, la mia forza, il mio Signore potente, Signore della pace, padre dei secoli futuri”.

Sì, Signore Dio nostro, abbi compassione della tua immagine e salva il tuo servo (…) da ogni danno o minaccia proveniente dal maleficio, e proteggilo ponendolo al di sopra di ogni male; per l’intercessione della più che benedetta, gloriosa Signora la Madre di Dio e sempre vergine Maria, dei risplendenti Arcangeli e di tutti i tuoi santi. Amen!

Preghiera contro ogni male

Spirito del Signore, Spirito di Dio, Padre, Figlio e Spirito Santo, Santissima Trinità, Vergine Immacolata, Angeli, Arcangeli e Santi del paradiso, scendete su di me: fondimi, Signore, plasmami, riempimi di Te, usami.

Caccia via da me le forze del male, annientale, distruggile, affinché io possa stare bene e operare il bene.

Caccia via da me i malefici, le stregonerie, la magia nera, le messe nere, le fatture, le legature, le maledizioni, il malocchio; l’infestazione diabolica, la possessione diabolica, l’ossessione diabolica; tutto ciò che è male, peccato, invidia, gelosia, perfidia; la malattia fisica, psichica, spirituale, diabolica.

Brucia tutti questi mali nell’inferno, perché non abbiano mai più a toccare me e nessun’altra creatura al mondo.

Ordino e comando: con la forza di Dio onnipotente, nel nome di Gesù Cristo Salvatore, per intercessione della Vergine Immacolata: a tutti gli spiriti immondi, a tutte le presenze che mi molestano, di lasciarmi immediatamente, di lasciarmi definitivamente, e di andare nell’inferno eterno, incatenati da San Michele Arcangelo, da San Gabriele, da San Raffaele, dai nostri Angeli custodi, schiacciati sotto il calcagno della Vergine Santissima Maria.

Preghiera di Liberazione

O Signore tu sei grande, tu sei Dio, tu sei Padre, noi ti preghiamo per
l’intercessione e con l’aiuto degli arcangeli Michele, Gabriele, Raffaele,
affinchè i nostri fratelli e sorelle siano liberati dal maligno che li ha resi schiavi.
O Santi tutti venite in nostro aiuto.
Dall’angoscia, dalla tristezza, dalle ossessioni.
Noi ti preghiamo. Liberaci o Signore!
Dall’odio, dalla fornicazione, dall’invidia.
Noi ti preghiamo. Liberaci o Signore!
Dai pensieri di gelosia, di rabbia, di morte.
Noi ti preghiamo. Liberaci o Signore!
Da ogni pensiero di suicidio e aborto.
Noi ti preghiamo. Liberaci o Signore!
Da ogni forma di sessualità cattiva.
Noi ti preghiamo. Liberaci o Signore!
Dalla divisione di famiglia, da ogni amicizia cattiva.
Noi ti preghiamo. Liberaci o Signore!
Da ogni forma di malefizio, di fattura, di stregoneria e da
qualsiasi male occulto. Noi ti preghiamo. Liberaci o Signore!
O Signore che hai detto:”Vi lascio la pace, vi do la mia pace”,
per l’intercessione della Vergine Maria,
concedici di essere liberati da ogni maledizione
e di godere sempre della tua pace.
Per Cristo nostro Signore.
Amen.