Per Contatti

lafedecattolica@libero.it

Medjugorje - La veggente Vicka: Offre le sue malattie per la conversione dei peccatori

VICKA IVANCOVIC









Di recente Vicka si è ripresa da una lunga malattia che non le ha permesso di condividere i messaggi della Madonna con i fedeli, ma, fedele al suo compito, la veggente è tornata a svolgerlo non appena le è stato possibile. Non molti, però, sanno che Vicka ha sofferto per una grave malattia già negli anni ’80 (83-84 per l’esattezza) e che già quella volta i medici le avevano dato poche speranze di guarigione.
In riferimento a quella occasione le viene chiesto se queste sofferenze siano legate ad un compito preciso affidatole dalla Madonna, ovvero se Vicka soffre per far sì che si convertano un maggior numero di persone. In risposta a questa domanda la veggente dice: “Quando la Madonna chiede o vuole qualcosa, quando Dio manda a noi una sofferenza, una croce, una malattia, dobbiamo prenderla come un grande dono, e Dio sa perché ha dato a me questa sofferenza e sa anche il momento quando prenderla, ma io devo solo ringraziare il Signore”. Vicka insomma non risponde direttamente alla domanda, demandando al volere di Dio il significato di questa sofferenza.






Sebbene non sappia la ragione di tale croce la veggente non si lamenta per quanto patito in questi anni, anzi quando parla con la Madonna le dice sempre di essere pronta a ricevere qualsiasi sofferenza: “Se hai ancora qualcosa da dare io sono pronta a prendere, solo in questo momento chiedo la tua forza e coraggio, ché possa andare avanti”. L’apertura del suo cuore al volere di Dio è stata apprezzata dalla Madonna che in un’occasione le ha detto: “Voi non sapete quanto valore ha la sofferenza davanti agli occhi di Dio”. Ed è per questo che Vicka è bel lieta di offrirsi a nuove prove per Dio: “Anch’io sai, quando Dio mi ha dato questo dono, non ho detto mai che è stato un peso o una cosa che non potevo affrontare, ma sono stata contentissima che ho potuto fare e dare una piccola cosa da parte mia alla Madonna”.