Per Contatti

lafedecattolica@libero.it

Un racconto di un esorcista che ci sconvolge seriamente













Annalisa Colzi scrive nel suo sito: Un giorno ebbi la bella sorpresa di ricevere un manoscritto da un esorcista a cui avevo fatto un’intervista. In questo manoscritto lessi, tra le altre cose, una storia davvero inquietante. Gli chiesi se potevo pubblicarla ma mi rispose che aveva già permesso a fra’ Benigno di pubblicarla sul suo libro e che quindi potevo pubblicarla appena fosse uscito il libro di fra’ Benigno. Il libro è uscito e io vi regalo questa testimonianza sconvolgente:

Fra Benigno…
“Onestamente devo riconoscere che mai e poi mai avrei immaginato di diventare esorcista. La mia formazione occidentale mi aveva dotato di una mentalità scientifica. Non accettavo fenomeni che non avessero una spiegazione razionale. Nessuno, durante la mia formazione seminaristica e teologica, mi aveva mai introdotto nel campo dell’Angelologia o Demonologia.
Un giorno però successe qualcosa che mi mise in crisi.











In Africa

Mi trovavo in Africa come missionario e il Padre esorcista della Diocesi era di passaggio nella mia missione. Quel giorno viene da me una donna e mi dice che vuole vedere l’esorcista. Al mio diniego insiste: «Devi farmi vedere il Padre. Devo parlare con lui». Le rispondo per quale motivo insista così tanto: «Vedi Padre, due anni fa, ero incinta di sei mesi. Gli spiriti mi hanno portato via il bambino dal ventre e io lo rivoglio». Dissi: «Hai abortito?» «No» – mi rispose – non c’è stato nessun aborto. Il bambino è sparito dal mi ventre. Me lo hanno portato via gli spiriti».













Mi trattenni dal riderle in faccia

Pensai che quella donna fosse affetta da una “gravidanza isterica“ ma poiché insisteva per parlare con il Padre esorcista decisi di andare da lui per riferirgli il colloquio. Ricordo che riportai la storiella raccontatami dalla giovane sorridendo con ironia, ma il Padre si fece serio e mi gelò con queste parole: «La voglio vedere subito».
Rimasi stupefatto, non dissi niente e chiamai la donna. Il Padre iniziò l’esorcismo.
La donna entrò immediatamente in trance. Si presentarono degli spiriti che dichiararono di essere stati mandati per rubare il bambino dal ventre di quella donna. Il Padre ordinò con autorità agli spiriti di restituire a quella donna la gravidanza e portò a termine l’esorcismo. Io assistevo allibito. Poi il Padre se ne tornò in città e quella donna tornò a casa sua .

Dopo due giorni quella donna si presentò di nuovo a me, felice e contenta, esibendo il grosso pancione di una donna incinta. Era venuta per ringraziarmi. La mandai per accertamenti al dispensario e mi fu confermato che il bambino che portava in grembo era proprio di sei mesi. A suo tempo partorì un bel bambino sano.

Questo fatto mi sconvolse e mi obbligò a rivedere tutte le mie convinzioni sul demonio, sulla sua azione, sui malefici, sui riti magici… in pratica su tutto quello che fino ad allora avevo ritenuto solo superstizione, fantasia o frutto di una mentalità primitiva”.

Non è una testimonianza sconvolgente?

Questa testimonianza sconvolgente di Fra Benigno, potete trovarlo insieme a tanti altri, nel libro Il Diavolo esiste davvero e opera! Vi confesso che anche io sono rimasta senza parole nel leggere queste righe e ho voluto approfondire l’argomento chiedendo un appuntamento al padre che fece l’esorcismo alla giovane donna. Esorcismo che le restituì il bambino nel ventre. Ottenuto l’appuntamento mi sono fiondata a fargli una intervista che prossimamente vi regalerò a puntate attraverso il sito. Nel frattempo vi consiglio di leggere il libro dell’esorcista fra’ Benigno, fresco di stampa